Cuba, CUBA, cuba, diario, DIARIO, diario, Diario de Cuba, DIARIO DE CUBA, diario de cuba El Che, EL CHE, el che, Ernesto Che Guevara, ERNESTO CHE GUEVARA, ernesto che guevara, JosŤ Marti, JOSE MARTI, josŤ marti Fidel Castro, FIDEL CASTRO, fidel castro, La Habana, L'Avana, Avana, Pinar del Rio, Matanzas, Santa Clara, Cienfuegos, Camaguey, Manzanillo, Holguin, Santiago de Cuba, Guantanamo, Isla de la Juventud, Ariel Basulto Perdomo, Milly, Guido Orlando, Alessandro Catalfio, Colori di Sicilia, coloridisicilia, viaggiare a Cuba, viajar a cuba, viaggi, viaggiare, vacanze, tabacco, tobaco, sigaro, sigari, cigarillos, rum, ron, Alla rivoluzione sulla due cavalli, Maurizio Sciarra, Adriano Giannini Gwenaelle Simon
 
espanol   italiano   sei qui: home page » diario » martedi

Santa ClaraMartedi

La mattina Guido e Milly si sono svegliatti presto. Io, come di solito, sono restato un bel po' sulle materassini. Intanto, nella casa, la vita giornaliera era giá iniziata. Di solito risvegliano i bambini prima delle sette per allestirli per la scuola. Anche a questa ora, il padre di Heri comincia il suo lavoro privato come riparartore di biciclete. Per questo dalla mattina presto cominciano pure a bussare la porta, sopratutto per conto dei neumatici sgonfiati prima poco di partire per gli impegni. Ma oggi a casa c'era qualcosa di diverso. Oltre noi, Guido e Milly hanno chiesto ai bambini di farli una fotografia. Da quando é iniziata la crisi economica nella nostra isola a inizio 1990, fotografarsi é diventato un lusso costosso. Una fotografia puo costare fino 1 dollaro che rappressenta tra il 6 e il 13% dello stipendio mesile di un cubano. Poi se si comprassi il rullino e si sviluppassero le fotografie puo costare fino 50-100 % dello stipendio mensile.

CienfuegosQuindi, per i bambini e i giovani nati in questo periodo che non hanno goduto gli anni 80 quando ancora c'era l'URSS, fotografarsi non é qualcosa normale e semplice, anzi, un'avvenimento unico che si debe rendere quasi perfetto.Per questo che si sentiva uno andari vieni dei bambini e delle loro madre in cucina. Una bella pettinata, le scarpe lucicanti, la divisa di scuola oppure la maglietta da suo padre in servizio internazionalista come medico nel Paraguay (come il Che, forse per questo il lemma dei bamabini a scuola la mattina e' "Pioneri per il comunismo, saremmo come il Che" ). Dopo che mi sono risvegliatto lo scatto era stato giá fatto. Ho preso il caffé. Guido ha lasciato pure un po dei semi che aveva comprato allo Escambrai e siamo usciti dopo per girare la cittá sotto la luce del sole. Siamo andati nello stesso parco Vidal della sera prima per fare qualche fotografia e poi siamo andati andati finalmente nella piazza del Che. E' sempre custodita con poliziotti che indicano dove parcheggiare, dove entrare, dove lasciare le borse e le camere fotografiche (perché dentro non si puo fotografare).
Siamo entrati in una prima stanza museo in cui ci sono oggetti, documenti e fotografie rilative al Che, sopratutto riguardante al suo periodo in Bolivia. Abbiamo pure trovato elencata le sue truppe, sia a Cuba che a Bolivia. Ed é stato una bella sorpresa per noi trovare mio zio nominato tra le sue truppe cubane. Tutti loro, quelli ancora vivi, lo hanno accompagnato in formazione guerrigliera quando é ritornato in Santa Clara nel 2000. Quel salotto bianco e vetrato lo abbiamo finito in mezza ora. Oltre il nome di mio zio elencato ci ha emozionato vedere il basco nero e il giubotto utilizzato dal Che, anche nella sua fotografia piu classica fatta da Korda. Qualcosa di simile abbiamo gia visto Guido ed io al Museo della Rivoluzione alla Avana. Finimmo quella mostra e le signore silenziose che lavorarno all'interno del museo.ci hanno indicato il modo di raggiungere il Che e i suoi compagni. La porta di legno la ha aperto l'impiegata e siamo entrati ad un posto diverso e soggestivo. Io lo avevo giá visto il giorno del funerale e lo sapevo ormai selvaggio, naturale e modesto. Era completamente rivestito di stecchi di legno, pavimento nero lucicante da scivolare e in forndo una simbolica foresta da cui sorgeva il canto di un'uccello. In uno inizio abbiamo cercato di spiegare qualcosa a Guido e l'impiegata ci ha indicato di restare zitti. Da questo momento capimmo quanto avevano pensato al Che per costruire questo monumento definitivo un po' ribelle e selvaggio. La tenera luce dell'interno usciva da piccoli sorgenti inchiodati nel legno. In una delle parete stavano in formazioneparte della truppa riposante, quelli che finora sono stati trovati in Bolivia. Altre lapide rimannevano ancora vuote. Ogni lapida aveva stampata la immagine d'ognuno.
Santa ClaraQuella del Che era la piu grande, al centro ma ancora piu bello era il riflesso di una stella sulla sua lapide e noi non abbiamo mai capito da dove sorgeva. Senza dubbitare era il posto adeguato alla sua condizione guerrigliera e rivoluzionaria. Un'omaggio di cui si fosse rifiutato in vita ma che altri considerano poco. Siamo usciti zitti sotto una fina pioggia invernale pure se con 25 ºC. Guido ha preso la camera per fotografare almeno l'esterno del monumento, sopratutto lafigura di bronzo del Che che giaceva fuori davanti alla piazza come davanti alle sue truppe. Ne ha fatte tante giocando colla luce del sole e le nuvole. Abbiamo pure scoperto un testo in bronzo sulla petra che sosteneva lafigura del Che. Ed era proprio il testo che con fatica avevamo cercato Milly ed io permostrarlo a Guido; la lettera di congedo del Che prima della sua partita in Bolivia. É la lettera di un rivoluzioonario romantico liberandosi delle sue responsabilitá come dirigente, riconoscendo i suoi sbagli e congedandosi della sua famiglia e del suo popolo per andare a liberare altri popoli latinoamericani. É una lettera carca di sentimenti, semplicitá e valori che tutti noi cubani giovani imparammo a memoria nella scuola elementare. E non proprio perché ci forzano i maestri, anzi perché la sua poesia e sinceritá ci spinge a rileggerla in cerca di quello che cosi piccoli non capiamo ancora. É stato uno scopo del viaggio all'interno che forse Guido non lo avrebbe mai immaginato prima di arrivare in Cuba.
Santa ClaraComunque, davanti a quella sorpresa Guido ci ha fatto una domanda che solo oggi la posso rispondere; -Ma come sono sicuro che sono state le sue ossa le trovate, quelle del Che?- Io ho sentito poco fa la storia dello antropologo che ha scoperto il Che in Bolivia. Lui é un professore della mia facoltá e lavora nel laboratorio vicino al mio. Da quando hanno individuato dei corpi atterrati eravano convinti che ci fosse il Che. Secondo la ricerca storica sapevano che lui era stato atterrato in un gruppo di sette. Di lui avevano tutto lo studio odontologico che coincideva 100%. Anche é stato atterrato col suo giubotto nero in cui coincidevano le lessioni del corpo con i danni nel tessuto. Poi a lui mancavano le mani. Dopo il suo assasinio le hanno tolto le mani per mandarle in Argentina per comprovare che le sue impronte digitali coincidevavo con quelle della documento di nascita. Per ultimo oltre tutto lo studio antropologico fatto da specialisti cubani e argentini (participarono pure tecnici italiani) hanno fatto uno studio del ADN che ha confermato la sua identitá. Quindi, credo che non si possa dubbitare della sua identitá ad essere davanti al vero Che Guevara. Guido ha ancora voluto continuare in cerca delle immagini del Che.
Per questo siamo andati nel monumento al derogamento del treno militare blindato. É stata la piu importante strategia eseguita dal Che nei combattimenti di Santa Clara nel 1958. Con questo derogamento evitava l'arrivo di rinforzi militari nell'oriente della isola. Oggi restano piazzati come restarono in quel 1958, l e carrozze blindate derogate e diventate museo. Poi siamo andati piu avanti in cerca di una interessante scultura del Che con un bambino in braccia fatto a scala quasi reale e colocata davanti alla sede provinviale del Partito Comunista di Cuba (PCC). Anche qui Guido avrebbe bisogno di un'intero rullino da scattare. Questo Che era pieno di piccoli dettagli; aveva un Quijote che gli scendeva a cavallo per le spalle, guerriglieri che marciavano come nelle montagne per le rughe della camicia e bambini che uscivano per tasca. Ecco tutto fatto nella cittá del Che. Prima d'uscire della cittá siamo andati dal padre di heri che stava a trovarci della benzina economica (0.50 dollari) preso un vicino di casa sua e poi siamo andati in un mercato popolare per cercare delle frutte e pane ma ne abbiamo trovato solo mandarine e papaya anche salsa maionese.
Santa ClaraMilly ha fatto Guido assaggiare il gurapo de caña, cioé il zucco della canna da zucchero spremuto con delle macchine artigianali. Di solito a tutti noi cubani piace. Anche é piciuto a Guido. Dicono che per gli uomini ha uno effetto afrodisiaco. Da quando eravamo alla Avana ad organizzare il viaggio, Guido avrebbe voluto visitare Cayo _______ (La isola dove pensavamo andare in Santa Clara ma poi non siamo andati, cercala nella carta che hai portato con te). É uno di quelle isolette intorno alla grande isola di Cuba e che non sono stati mai abitati. Quindi li hanno riscoperto per il turismo con spiaggie vergini e vegetazione e natura selvaggia, mai toccata per l'uomo. Lí abitano fenicotteri rossa, le tartarughe arrivano la sera in spiaggia per porre le uova sotto la sabbia, i gamberi e i pesci si possono toccare nell'acqua cristallina dei fondali dei fiumie e il mare e i delfini accompagnano ai viaggiatori quando stanno per raggiungere l'isola col terrapieno costruito in mezzo al mare o colla nave. Lí gli alberghi sono come ville tropicali fatte di legno, terracotta e a due piani le piu alte. Secondo le autoritá tutti gli investimenti sono controllati dal Ministero di Scienza e Medio Ambiente. Ma i cubani, i padroni eterni di tutto quel paradiso, non ci possono andare perché é vietato. Sono solo isole riservate ai turisti stranieri. In questo Cayo _______ sembrava che potevamo andare tutti e tre. Nonostante questa mattina lo abbiamo rivalutato perché era troppo distante pure se quelle immagini andrebbero bellissime per Guido. Per questo siamo uscitidella cittá e abbiamo preso le vie secondariedel nord verso Sagua la Grande. La natura si risvegliava un po' diversa di quella di Pinar del Rio e quella della costa sud. Adesso passavamo tra immense pianure verdi con scarsi alberi e assai allevamento di bestiame. Prima di sagua la Grande, ci siamo fermati a Cifuentes, erano le 13:47. Lí abbiamo mangiato pizza per 0.15 dollari. Abbiamo trovato il pane (0.50 dollari), acqua purificata e biscotti. Questi due prodotti invece, in un negozio in dollaro. A Sagua la grande siamo arrivati alle ore 14:10. Non ci siamo fermati perché attraversandola abbiamo visto che era un villaggio tipico dell'interno dell'isola di cui ne abbiamo attraversato 32. Quasi alla uscita del villaggio la macchina si é cominciata a fermare. Guido lo aveva gia notato da prima ma non ce lo aveva detto. Milly e Guido caddero in uno stato di disperazione guardandosi in faccia con gli occhi aperti. Io invece, ho chiesto la calma. Non eravamo proprio in fine al mondo e per fortuna eravamo ancora nel villaggio e non proprio in mezzo al mare se avessimo desciso di andare nella isola col terrapieno. In questa situazione io mi sono dichiarato il capo della spedizione e ho desciso di tornare indietro a chiedere per un meccanico. Guido sospettava che la benzina aveva l'acqua. Avanzavamo a tratti e si spingeva la macchina ma in questo modo e colla informazione di qualcuno, siamo arrivati in casa di Jorge Pedro. Ci ha riscevuto suo figlio che faceva il suo aiutante. Lui lo ha subito chiamato. Il padre parlava poco, ci ha domandato cosa succedeva e ci ha chiesto di girare la macchina per farla entrare indietro nel suo garage. Ha controllato prima i meccanismi della pompa di benzina e ha finalmente desciso estrarre tuuta la benzina dal servatoio.
Santa ClaraCollo aiuto del suo figlio é riuscito, ma prima suo figlio ci ha chiesto di mostrargli i bidoni vuoti con cui abbiamo comprato la benzina. Sotto i resti di benzina c'era uno strato d'acqua. Lo stesso é succeso con quella stratta dal serbatoio, ma per noi cubani era un peccato tirare via tutta quella benzina e per questo i meccanici si sono mesi a estrarre la benzina (10 litri) e lasciare i fondali coll'acqua. Guido é rimasto stupito perché loro succhiavano con la bocca per creare il flusso di benzina nel tubo, ma io lo ho visto fare sempre cosi. Non ho mai immaginato una pompa che faccia questo compito. Dopo pulire la benzina hanno cercato di pulire la pompa di benzina. Loro abituati alle antiche macchine americane degli anni 50 e anche a quelle russe si sono sorpresi di vedere la nostra pompa tutta chiusa da non disarmare, come se dopo sporca si doveva tirare. Ancora colla bocca e un po' di pressione la hanno cercato di pulire. Nonostante tutto quello impegno hanno dichiarato modestamente di non conoscere bene la meccanica di questi auti moderni in cui tutto é controllato elettronicamente. Qualche volta il giovanotto Julio Cesar si scappava dal suo compito e ci si avvicinava per parlarci della sua famiglia, della benzina. Anche ha invitato Milly a fare pranzo. É stat molto interssante la sua spiegazione sulle antenne FM. Lui si considerava un entusiasta della elettronica. Tutto quanto sapeva lo aveva imparato da solo, sopratutto disarmando radioricettori e disegnando antenne. Ci ha mostrato con emozione l'iniziativa di un suo vicino che si ha fatto costriure una antenna FM smontabile. La faceva salire la sera e poi la mattina la tirava giu attraverso un meccanismo elettrico. Nel nostro paese, certe tipi di antenne che riscevono segnali di radio e TV dagli USA sono vietate dal governo. In tanto la macchina era pronta e Guido ha chiesto a Jorge quanto costava il servizio. Lui ha detto 5 dollari, di cui Guido anche é rimasto stupito perché lo stesso servizio d'urgenza in Italia costerebbe verso i 50 dollari. Sono stati proprio bravi al fare tutto questo lavoro in una ora e mezza senza conoscere bene i meccanismi della nostra Daewoo tico. Riprendiamo strada alle ore 16:00 per la strada di Corralillo. Jorge Pedro e suo figlio ci hanno detto che forse ancora la pompa restarebbe un po' sporca perché loro non potevano aprirla per pulirla, per questo ci hanno indicato cosa fare se la macchina cominciava a fermarsi come prima. Anche per questo i meccanici sono stati bravi perché ai 30 Km la macchina é ricominciata a fermarsi, ma una soffiata alla pompa, la cui ho imparato a smontare, é bastata per continuare viaggio senza fermarsi piu. Da questa parte un consiglio molto importante dobbiamo strarre; ci vuole cura quando si descide comprare benzina economica nel mercato nero. Ci vuole conoscere bene a chi si compra la benzina oppure controllare che sia presa direttamente dalle pompe dei distributori. La via secondaria che abbiamo seguito aveva poco transito e le fermate per soffiare la pompa di benzina ci permattevano godere quel paesaggio in mezzo alla via e con suono di natura stereo. Il sole é cominciato a scendere poco dopo, quindi cominciamo a chiedere per strada dove trovare un campeggio popolare in cui restare la notte.
BimbaCi hanno informato che tra Corralillo e Sierra Morena c'erano due. Lí siamo arrivati, eravano tutti e due in riva al mare, con delle stesse spiagge isolate a cui eravamo ormai abituati. Ma questa volta avevano pure le palme da cocco. Purtroppo non abbiamo potuto rimanere. Da quando é passato l´uragano Michelle alcune settimane fa, li avevano destinati alle famiglie colpite dall'uragano. Anche siamo entrati in un villaggio turistico in cui c'é una villa-sanatorio con acque medicinali. É stato molto impressionante entrare per tre Km di vie isolate e trovare tre alberghi turistici chiusi e vuoti, come se fosse proprio una villa incantata. Abbiamo trovato solo due presone che ci hanno detto che eravano chiusi per conto dell'uragano e che ospitavano soltanto i lavoratori che ristauravano la telefonia e la elettricitá. Neppure allora c'era qualche capo che descidessi la nostro favore. Riprendiamo la via un po' spenzierati pure se l'ultima notte la potevamo passare distesi in riva al mare. In mezzo a quella caccia di pernottamento, qualcosa curiosa é succesa; Ci siamo fermati in quella via incredibilmente isolata per fotografare un cartellone del Che, anche ma in senso contrario veniva uno in bicicleta che si é fermato alla nostra stessa volta e preso una camera fotografica per fotografare la stessa immagine. La sorpresa ci ha fatto scambiare le prime parole. Lui era un canadese che girava l'isola come noi ma da solo e in bicicleta. Voleva arrivare la sera in santa Clara perché i camping erano tutti chiusi.
Per stada Guido Rosso ci ha pure fatto il racconto di un suo sbagliato ragionamento che faceva da tanti anni fa. Ci ha ricordato la canzone "El Pueblo Unido" degli Inti Illimani ma sentita a casa nostra in versione di Claudione (CB) ....el pueblo unido jamas será vencido....(...il popolo unito non sará mai vinto...) ma nel suo cervello sinistro aveva sempre capito ....il popolo unito amazzerá Vencido...Ma chi é questo Vencido? -Ci hachiesto lui- Per caso un dittatore latinoamericano?. Villaggio dopo villaggio non abbiamo avuto succeso coll'affitto. Tutti ci indicavano d'arrivare in Marti perché era piu grande e quindi c'era piu opportunitá. Prima di arrivare, giá di notte, Guido ci ha chiesto se si poteva prendere uan canna da zucchero per assaggiarla. Nel buio sono sceso della macchina e andato nella piantagione ai fianchi della via. Con un po' di fatica ne ho dissotterratto tre.Arrivamo in Marti e ci siamo fermati ad un bar per chiedere informazione. Un'uomo assai giovane ci ha detto d'aspettare per chiedere ad una sua vicina. Tra tanto anche noi siamo andati ad un alberghetto locale per chiedere pure informazione ma era pure occupato con lavoratori della elettricitá che ci stavano da dopo l'uragano. Proprio all'albergho ci é andato a cercare l'uomo che dopo ci ha portato da una casa vicina. La signora di casa era molto timida e ci ha detto di si per 3 dollari. Ci ha mostrato la casa, ci ha indicato come parcheggiare la macchina nel suo cortille e ci ha prestato un suo coltello per assaggiare la canna da zucchero. Per Guido é stata anche buona. Poi, abbiamo desciso d'uscire per mangiare qualcosa, ma l'unico posto trovato lí vicino é stato lo stesso bar in cui ci siamo fermati all'arrivare. Abbiamo mangiato pane e prosciuto, pane con bastoncini di carne e farina e pane con dolce di guayaba. Tutto per meno di 0.50 dollari. Poi a casa abbiamo comprato alla padrona di casa delle gaseose per 0.10 dollari ognuna. La signora ci ha riscaldato un po' d'acqua per fare bagno. Lo ha fatto con un curioso strumento (per Guido, perché noi lo conoscevamo, anzi, io lo so fare) fatto con due lattine vuote e legno, che poi si collega alla elettricitá e fa bollire l'acqua subito. Lei ci ha lasciato da soli ed é andata pure in casa di una sua vicina per chiedere in prestito una lampadina per la sua stanza da bagno. L'uragano l'aveva colpito pure a lei e tutto quanto risparmiava era per riparare il tetto di casa. Suoi figli si dedicavano all'allevamento di maiale nel cortille di casa e dovevano pure comprare del cibo, ma alla fine colla vendita della carne qualcosa si guadagnava. Noi abbiamo dormito tutti e tre nello stesso letto. Quella casa era pulitissima ma era piena zeppa di zanzari. Loro non ci hanno lasciato restare un po´ in salotto a chiaccherare sulla Sicilia e sul dialetto siciliano. É bastato soltanto per imparare a dire che Guido non é riuscito a fare u bagno cu u cato (col secchio). La padrona di casa ha meso la zanzariera nel letto e per Guido é stato l'ultima interessante esperienza di quella giornata.
realizzato da Alessandro Catalfio - Fotografie di Guido Orlando - Testi diario di Ariel e Milly